NUOVE DISPOSIZIONI E TERMINI IN TEMA DI CASSA INTEGRAZIONE

Il decreto-legge n. 125 del 2020, che ha introdotto misure volte a fronteggiare lo stato di crisi conseguente all’emergenza sanitaria (è stato prolungato lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 e disposto l’obbligo dell’utilizzo delle mascherine all’aperto su tutto il territorio nazionale) ha, inoltre, modificato i termini decadenziali previsti dal decreto agosto (d.l. n. 104 del 2020) per la presentazione delle domande di accesso ai trattamenti di integrazione salariale (cassa integrazione in deroga e assegno ordinario), nonché di trasmissione dei dati necessari per i pagamenti diretti mediante i modelli Sr41. Nello specifico, è disposto che i termini di cui ai commi 9 e 10 dell’art. 1 d.l. n. 104 del 2020) siano differiti al 31 ottobre 2020.

Il comma 9 dell’art. 1 d.l. n. 104 del 2020 prevedeva che i “termini decadenziali di invio delle domande di accesso ai trattamenti collegati all’emergenza COVID-19 e di trasmissione dei dati necessari per il pagamento o per il saldo degli stessi, compresi quelli differiti in via amministrativa, in scadenza entro il 31 luglio 2020 venissero differiti al 31 agosto 2020.

Il successivo comma 10 disponeva, invece: “i termini di invio delle domande di accesso ai trattamenti collegati all’emergenza COVID-19 e di trasmissione dei dati necessari per il pagamento o per il saldo degli stessi che, in applicazione della disciplina ordinaria, si collocano tra il 1° e il 31 agosto 2020 sono differiti al 30 settembre 2020”.