LEGGE DI BILANCIO 2019

La V commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento alla legge di bilancio 2019 denominato “ sostegno al reddito per i pescatori nel fermo biologico” con cui di fatto sono stati riproposti gli stessi interventi di cui alle leggi di bilancio 2017 e 2018, ma con decurtazione di alcuni importi.

In particolare è stato previsto:

  1. per i lavoratori dipendenti da imprese adibite alla pesca marittima, compresi i soci lavoratori delle cooperative della piccola pesca, è riconosciuta per l’anno 2019 una indennità giornaliera onnicomprensiva fino ad un massimo di 30 euro giornalieri e nei limiti di spesa di 11 milioni di euro, dovuta durante il periodo di sospensione dell’attività lavorativa, a causa di misure di arresto temporaneo obbligatorio;
  2. sempre per l’anno 2019, nei limiti di spesa di 2,5 milioni di euro, è riconosciuta una indennità giornaliera, fino ad un importo massimo di 30 euro e per un periodo non superiore a quaranta giorni in corso d’anno, nel periodo di sospensione dell’attività derivante da misure di arresto temporaneo non obbligatorio.    

Di fatto quanto previsto dalla lettera b) è un incremento delle risorse previste nella precedente lettera a) la cui applicazione, tuttavia, non ha ancora trovato la esatta individuazione giuridica.

La stessa previsione normativa, con coperture finanziarie diverse (prima 7 milioni di euro, poi cinque e da ultimo 2,5 ) è stata fatta nelle leggi di bilancio per l’anno 2017, 2018 ed ora per l’anno 2019.

 

Il Responsabile dell’area Fiscale

Dr. Pantaleo Silvestri