SEMINARIO SULLA SICUREZZA A BORDO “NORMATIVE E BUONE PRATICHE NELL’ATTIVITA’ DI PESCA” – 19 OTTOBRE SAN BENEDETTO DEL TRONTO

Un seminario per migliorare la sicurezza dei pescatori nelle loro attività quotidiane in mare. Si affronteranno le tematiche da un punto di vista normativo, verranno affrontati i rischi nella loro possibilità di essere prevenuti e si potranno acquisire tecniche pratiche di assistenza in caso di emergenze.

IL 17 OTTOBRE AL MIPAAF INCONTRO PESCATORI PUGLIESI CON LA DIREZIONE GENERALE

Il prossimo 17 ottobre si terrà al MIPAAF l’incontro tra una rappresentanza dei pescatori pugliesi e la Direzione Generale della pesca marittima e dell’acquacoltura per ascoltare le istanze sui problemi del settore. “Il ministero e’ attento a quanto sta accadendo anche in queste ore in Puglia“, dice la ministra Teresa BELLANOVA. “La priorita’ e’ tutelare il reddito dei pescatori, per questo ho chiesto agli uffici di fissare l’incontro “. (Fonte: Agra Press)

SOSTITUZIONE MOTORE: SUPERFLUA LA RICHIESTA DI NULLA-OSTA DEL CREDITORE IPOTECARIO DA PARTE DELLA CAPITANERIA

Lo ha chiarito la Direzione Generale competente del Ministero Infrastrutture e Trasporti, rispondendo ad un quesito rivolto da Federpesca.

La competenza dell’Autorità marittima resta confinata quindi agli adempimenti amministrativi connessi alla sostituzione del motore e finalizzati alla salvaguardia della sicurezza della navigazione e la regolarizzazione dei documenti di bordo (rinnovo della licenza di navigazione, comunicazione al MIPAAF per la licenza di pesca, ecc.), mentre è superfluo l’intervento della stessa Autorità marittima sul rapporto di natura privatistica che intercorre tra creditore ipotecario e debitore proprietario.

ELENCHI UNITA’ PESCA LAMPUGA ANNO 2019

Pubblichiamo la nota n. 15521 dell’8 ottobre u.s. a parziale modifica di quanto comunicato con quella del 24 settembre 2019 n. 14701.

Per comodità di consultazione pubblichiamo anche l’elenco delle unità autorizzate per la campagna di pesca del 2018 e relativa nota di trasmissione (n. 20838 del 22 ottobre 2018).

FEDERPESCA – A CROTONE RIUNIONE PER SBLOCCARE L’EROGAZIONE DELLE ROYALTIES ALLE IMPRESE DI PESCA

A richiesta di Federpesca, si è tenuta questa mattina presso la Prefettura di Crotone la riunione, finalizzata ad affrontare ancora una volta la problematica relativa all’erogazione delle royalties alle imprese di pesca delle marinerie del crotonese. Da ormai 6 anni le imprese di pesca non ricevono purtroppo gli indennizzi dovuti alle stesse per la ridotta attività di pesca causata dalla presenza delle piattaforme di Eni e l’accordo di programma firmato nel 2017 ha ulteriormente complicato la situazione. Secondo alcuni, infatti, non sarebbe ancora chiaro se tali indennizzi debbano configurarsi come aiuti di Stato o meno. A tal proposito, Federpesca ha ribadito che risale addirittura al 2008 un parere del Ministero delle Politiche agricole in cui si chiariva che tali erogazioni non erano in alcun modo configurabili come aiuti di Stato ed ha quindi richiesto che Regione e Comuni si attivino per procedere all’erogazione degli stessi contributi. Uno stato di inerzia non più tollerabile, che sta recando danni economici irreversibili alle imprese di pesca. Parallelamente, Federpesca solleciterà nuovamente il Ministero e sosterrà qualsiasi eventuale modifica normativa che vada nella direzione di risolvere una volta per tutte la questione. Si riapre oggi, finalmente, un tavolo con la presenza tutti gli attori istituzionali, premessa per cessare il metodo del rinvio circolare della soluzione attesa.

ASSEGNI NUCLEO FAMILIARE ARMATORI INDIVIDUALI

L’INPS ACCOGLIE LA RICHIESTA DI FEDERPESCA

In riferimento all’impossibilità tecnica, nell’inoltro on line delle domande di Assegno per il nucleo familiare da parte degli armatori costituiti in forma individuale e imbarcati su motopesca dai medesimi gestiti, così come previsto dalla circolare Inps n. 45 del 22/03/2019.

L’INPS accoglie la richiesta di FEDERPESCA,  assicurando di modificarne il sistema di inoltro  agli inizi di ottobre, al fine di consentire anche agli armatori di cui sopra  l’invio  senza che i codici fiscali confliggano, anche al fine di  poter ottenere gli arretrati dal 01.07.2019.

FEDERPESCA – RINVIATA L’OPERATIVITA’ DELL’ACCORDO LIBIA

Mentre i primi pescherecci mazaresi ormeggiavano nel porto libico di Ras-Al-Hilal, come programmato dall’accordo sulla filiera pesca promosso dall’Investment Authority di Bengasi e da Federpesca, abbiamo considerato l’insorgere di molteplici e diverse sensibilità che avrebbero potuto compromettere il buon esito dell’iniziativa.

Da un lato una inaspettata evoluzione del contesto, dall’altro una distorta e capziosa lettura dell’unica iniziativa civile posta in essere in una realtà cosi travagliata.

Con grande senso di responsabilità, abbiamo quindi convenuto sulla decisione di rinviare l’operatività dell’accordo.

12.09.19 H:16.15

LIBIA – AL VIA IL PRIMO ACCORDO DI PESCA

Partono oggi da Mazara del Vallo i primi pescherecci italiani destinati ad operare nelle acque libiche orientali, sulla base di un accordo privato, di durata quinquennale, firmato il 12 marzo e reso operativo il 15 luglio scorso tra Federpesca e la Libyan Investment Authority.
Si tratta del primo accordo che arriva ad una fase operativa e che mette finalmente al riparo i pescherecci italiani dal rischio di operare in assenza di autorizzazione in una zona di mare particolarmente pescosa e di vitale importanza per le marinerie italiane.
“Si tratta di un primo accordo, al quale seguiranno presto altre intese destinate ad allargare il perimetro dell’operatività, che riguarda l’intera filiera ittica, dalla pesca all’acquacoltura, alla lavorazione e commercializzazione dei prodotti della pesca, alla formazione ed alla cooperazione scientifica” dichiara Luigi Giannini, presidente della Federazione.

PRESIDENTE GIANNINI: “AUGURI AL MINISTRO BELLANOVA, SETTORE PESCA VITALE PER IL PAESE”

“Nell’esprimere i nostri più sinceri auguri di buon lavoro al neo ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Teresa Bellanova, vogliamo segnalare al Ministro come il settore della pesca italiana attenda risposte importanti per recuperare competitività sul mercato globale, tutelando il lavoro di migliaia di pescatori e salvaguardando allo stesso tempo la qualità del nostro mare. Per questa ragione auspichiamo, fin dalle prossime settimane, una proficua collaborazione volta alla valorizzazione della pesca e dell’intera filiera ittica, quali settori chiave della crescita blu del nostro Paese.  Riteniamo utile non disperdere quanto di buono è stato fatto sinora, ma imprimendo una decisa accelerazione nel portare a soluzione questioni vitali, come l’ammortizzatore sociale, il cui rinvio rischia di mettere in crisi un settore vitale per l’economia del Paese.” – Così Luigi Giannini, Presidente di Federpesca.