04.01.2017 ore 11:02 #FISCALE

Revisione codici tributi utilizzati dai sostituti di imposta

L’Agenzia delle Entrate con risoluzione n. 13/E del 17 marzo 2016 ha previsto la soppressione di alcuni codici tributo utilizzabili nel Mod. F24 e la confluenza degli stessi in altri codici tributo.

In particolare tra i codici tributo modificati rientrano quelli relativi ai versamenti delle ritenute operate dai sostituti di imposta ai sensi degli articoli 23 ( ritenute sui redditi di lavoro dipendente )e 25bis ( ritenute sulle provvigioni, di mediazione, di rappresentanza di commercio e di procacciamento di affari ) del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600.

Di particolare interesse è la soppressione del codice tributo 1004 ( ritenute su redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente ) e 1013 ( ritenute su conguaglio effettuato nei primi due mesi dell’anno successivo ) e la confluenza nel codice tributo 1001 ( ritenute su retribuzioni ) nonché la soppressione del codice tributo 1038 ( ritenute su commissioni ed agenzia ) e la confluenza nel codice tributo 1040 ( ritenute su compensi per l’esercizio di arti e professioni ).

Tali modifiche sono operative a partire dai versamenti effettuati con modello F24 dal 1° gennaio 2017 e precisamente dai versamenti dovuti dal 16 gennaio 2017.

Si ritiene, salvo diverse indicazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate a tutt’oggi non prevenute, che, anche in caso di ravvedimento operoso di ritenute relative a periodi di imposta 2016 afferenti a codici tributo soppressi, dovranno essere utilizzati per il versamento i nuovi codici tributo.