12.09.2012 ore 18:18 #VARIE

News dal Parlamento europeo

Il parlamento europeo riunito oggi in seduta plenaria ha approvato, informa un comunicato, “disposizioni relative all’organizzazione comune dei mercati nel settore della pesca e dell’acquacoltura volte a creare organizzazioni di produttori piu’ forti e adeguatamente finanziate e a controbilanciare il potere dei rivenditori, in vista della prossima riforma della politica comune della pesca. tali norme – spiega il comunicato – obbligheranno i produttori a migliorare l’informazione al consumatore, con l’introduzione di etichette per i prodotti ittici freschi che indichino, fra l’altro, la data di sbarco. Nel testo si chiede inoltre – aggiunge la nota – che sia data priorita’ alla riduzione delle catture accidentali, promuovendo, ad esempio, l’uso di attrezzature da pesca piu’ selettive”. gli eurodeputati hanno approvato anche una risoluzione non legislativa sulla riforma della politica comune della pesca, nella quale, rende noto il comunicato, “si chiede di migliorare le condizioni per uno sfruttamento sostenibile delle risorse marine, con piani di gestione pluriennali e un preciso calendario”.

Infine, in un’altra risoluzione sugli obblighi di comunicazione, i deputati “esortano la commissione a sanzionare gli stati membri che non riescono a fornire dati affidabili, come richiesto dal programma europeo di dati sulla pesca”. (Agrapress)