GREEN PASS SUI LUOGHI DI LAVORO DAL 15 OTTOBRE

Come noto, a partire dal 15 ottobre 2021 l’accesso nei luoghi di lavoro sarà consentito solo ai lavoratori in possesso: di una certificazione verde (c.d. green pass), o di una certificazione equivalente; in alternativa, di un certificato di esenzione dall’obbligo di vaccino.
 
Il datore di lavoro è tenuto ad effettuare i controlli necessari per garantire il rispetto dell’obbligo menzionato. A tal fine, entro il 15 ottobre deve per legge (art. 9 septies d.l. 52/2021) predisporre un adeguato modello organizzativo per le verifiche e nominare un incaricato per l’attività di verifica (se non si tratta dello stesso armatore), debitamente istruito in merito alle attività di controllo e al trattamento dei dati. La violazione di tali obblighi è sanzionata in via amministrativa. 
 
Gli adempimenti implicano anche le seguenti attività:
  • effettuare il download su dispositivo elettronico dellapplicazione verifica C-19(o, comunque, assicurarsi che il verificatore sia in possesso dell’applicazione su dispositivo mobile) e adottare le misure di sicurezza per la protezione dei dispositivi utilizzati per i controlli (es.antivirus); ;
  • trasmettere una comunicazione preventiva ai propri dipendenti, o collaboratori esterni, che devono essere aggiornati anche in merito al trattamento dei dati;
  • aggiornare il Registro delle attività di trattamento dei dati
Nell’attesa di ulteriori indicazioni, sembra opportuno evidenziare alcuni aspetti: 
 
1) Il lavoratore che accede ai luoghi di lavoro privo di certificazione può essere sanzionato in via amministrativa e disciplinare. Si consideri, però, che in caso di mancato controllo anche il datore di lavoro può essere sanzionato. Sembra allora opportuno, anche considerando le difficoltà di un controllo a bordo dell’imbarcazione, che il controllo sia svolto precedentemente all’imbarco (il lavoratore, in questo caso, non avendo ancora fatto accesso ai luoghi di lavoro, non sarebbe sottoposto a sanzione amministrativa).  Nel caso di navigazione prolungata il controllo è effettuato unicamente all’accesso sul posto di lavoro.
2) in merito alla nomina del soggetto verificatore, la figura adeguata per le imbarcazioni potrebbe essere quella del comandante. Si precisa che in questo modo sarà sottoposto al controllo al pari degli altri dipendenti imbarcati anche l’armatore. 
 
Ci riserviamo di fornire ulteriori aggiornamenti, o suggerimenti di modifica alla luce delle novità legislative e delle indicazioni ministeriali.

Per ulteriori informazioni o per ricevere la bozza della documentazione di supporto è possibile inviare le richieste all’indirizzo federpesca@federpesca.it