FISSATE LE REGOLE PER L’EMISSIONE DELLA FATTURA ELETTRONICA PER I CARBURANTI

L’Agenzia delle Entrate con circolare n. 8/E del 30 aprile 2018 ha chiarito che a partire dal 1° luglio 2018 sono soggette alla fatturazione elettronica esclusivamente le cessioni di benzina e di gasolio destinati ad essere utilizzati quali carburanti per motori ad uso di autotrazione.

Quindi ad essere interessati al nuovo adempimento sono esclusivamente i rifornimenti dei motori per trazione di autoveicoli.

La disposizione dell’anticipo al 1 luglio 2018 è stata introdotta con la manovra 2018 – legge 205 del 27 dicembre 2017 – art. 1, comma 917, creando dubbi interpretativi in merito alla fornitura del gasolio per le imbarcazioni da pesca, dato che la norma ha previsto l’obbligo della fattura elettronica anche per le cessioni di gasolio per motori in genere.

Ricordiamo che l’acquisto di benzina e gasolio destinato ad essere utilizzati per motori ad uso di autotrazione nell’ambito dei rapporti tra soggetti passivi di imposta, a partire dal 1 luglio 2018 deve necessariamente essere documentata con l’emissione della fattura elettronica con l’obbligo di tracciare i pagamenti delle operazione di acquisto ( assegni bancari, circolari, postali, carte di credito prepagate e non ecc. ). Naturalmente a partire da tale data non è più necessario l’utilizzo della scheda carburanti.

Torneremo sull’argomento della fatturazione elettronica in quanto a tale obbligo, a partire dal 1 gennaio 2019, saranno assoggettate tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello Stato ( art. 1, comma 917, lett. a) e b) legge di bilancio 2018 ).

 

Il Responsabile dell’area Fiscale

Dr. Pantaleo Silvestri